AFFRONTARE SCONFITTE E DIFFICOLTA’

AFFRONTARE SCONFITTE E DIFFICOLTA’

DAL PAVIMENTO SI IMPARA

Erano gli anni 80.

Partita di volley persa.

Io a terra sconfitta e dispiaciuta. Sul pavimento in compagnia dello sconforto.😞

Tante le partite vinte, tante quelle perse.

Come nelle vicende della vita. Anche a te è accaduto e accadrà ancora.

Il fanatismo,😳😱 molto in voga fra i Coach, ti direbbe di allenarti e coltivare i tuoi punti di forza per liberarti velocemente da cadute, errori e fallimenti, considerati debolezze.

  • Il timore di perdere
  • La negazione degli sbagli
  • L’incapacità di tollerare la disfatta
  • L’insofferenza per l’errore
  • La vergogna sociale che si associa alla sconfitta

Sono diventati lo spauracchio di adulti e bambini, con la conseguente protezione dalla FRUSTRAZIONE che ci rende incapaci di tollerare la benché minima sconfitta.

Si cerca quindi la vittoria a tutti i costi… anziché il successo attraverso una buona performance.

Qual è la differenza❓🤓❓

Diceva il grande allenatore di football americano Vince Lombardi “l’arte di vincere si impara nelle sconfitte. Se non accetti di perdere, non puoi vincere”.

Le performance migliori si raggiungono quindi assumendo su di sé l’accettazione dell’errore, diventando flessibili, RESILIENTI e ANTIFRAGILI, anziché troppo perfezionisti e quindi rigidi.

La RESILIENZA è elasticità, è capacità di assorbire l’urto di un evento negativo ed è ben diversa dalla resistenza che si oppone con forza all’evento, rischiando di farci schiantare e di spezzarci, fisicamente ed emotivamente (puoi approfondire leggendo “Che le lacrime diventino perle” di Meringolo, Chiodini, Nardone).

Ne avevo già parlato anche qui http://www.puoisevuoi.it/2017/11/01/resistere-stringendo-i-denti-o-diventare-resilienti/

L’ANTIFRAGILITÀ è tipica di tutte le cose che si rafforzano grazie alle difficoltà che incontrano, che sanno trarre slancio dagli scossoni, dai fattori di stress e che sanno vivere il rischio e l’incertezza (se vuoi saperne di più leggi “Antifragile. Prosperare nel disordine” di Nassim Taleb, quello che ha scritto anche “Il cigno nero”, oggi tanto citato).

La buona notizia è che Resilienza e Antifragilità non sono innate ma si costruiscono. 🆘

A partire dall’assunzione di responsabilità delle conseguenze delle proprie azioni: anche se a volte non siamo gli unici ad essere responsabili di ciò che ci succede, siamo SEMPRE responsabili di come reagiamo e come gestiamo quello che ci capita.

È la differenza tra sentirsi vittime oppure costruttori della nostra strada tra le insidie della vita.

Ancora responsabilità, lo so non ti piace tanto, è difficile da digerire.😰

I miei clienti sanno che io la leggo così: RESPONS – ABILITÀ, intesa non come peso da portare ma abilità nel DARE RISPOSTE, le tue risposte agli eventi della vita, anche quando sei chino sul pavimento dopo la partita di volley persa.😉

Allora… se vuoi allenare Resilienza e Antifragilità chiamami,

da oggi e per un po’ in videochiamata 📺☎️

  • Telefono +39 0171 265106 – +39 335 8140606
  • Mail info@puoisevuoi.it

“Il mondo spezza tutti e poi molti sono forti nei punti spezzati” (Ernest Hemingway)

Abbi cura di Te

Nives

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *